il post del castello di carte

(foto di: Esther Gibbons)
 
Il bar era vuoto, solo la barista carina e quel vecchietto che gobbo sul tavolo nell'angolo stava sorseggiando un bianchino provando a fare un castello di carte. Alla stazione lì vicino doveva arrivare l'ultimo treno della giornata, quello dei pendolari. Il mazzo accanto al bicchiere, due carte per volta, lentamente, lentamente. Fare un castello di carte richiede pazienza e attenzione, se le carte sono troppo nuove scivolano sul piano lucido del tavolo. Devi stare attento anche al tuo respiro e alle dita, se ti muovi troppo velocemente per arrivare a stringere il bicchiere lì accanto puoi far cadere tutto.
La barista finisce di sistemare i bicchieri appena lavati, sul tavolo le carte hanno preso forma e adesso c'è un castello, di quelli con quattro file di carte, grande. Adesso c'è solo da aspettare: una porta che si apre, un refolo dalla finestra, la mano che sbatte sul tavolo; quel castello è destinato a cadere. Nel frattempo c'è solo da godersi il momento, forse è proprio questo il bello di un castello di carte, aspettare che cada per raccogliere le carte, rimetterle insieme e ricostruirlo di nuovo, mischiando tutto.

Bye sweetie

Un locale country grande come un campo da calcio, sul palco un cantante: chitarra in mano, stivali ai piedi e cappello in testa. Una birra in mano, intorno coppie che ballano, bottiglie che si svuotano. Alzo lo sguardo dalla Corona ormai calda. Incrocio lo sguardo con una biondina dagli occhi tristi, chiedo se vuol ballare, le basta un sorso di birra e un “come va, tutto bene?”, solo per scambiare due parole con uno sconosciuto straniero. “Bye sweetie” le dico ritornando dagli altri, “thanks” dice sorridendo e finendo la birra. La giornata nel west volge al termine e un sorriso di una bella ragazza è quello che ci vuole.

Sorpresa!

Ho trovato un puffo dentro un ovetto kinder. Puffo Quattrocchi che parla a un fiore e a una coccinella che lo guardano stupiti. 

Alle volte basta poco per rimanere stupiti: qualche parola, un sorriso o un puffo.

[psla] Ciuf ciuf.

E' dal 2004 che in questo periodo mi leggo il Psla e devo essere sincero l'anno scorso ci avevo quasi creduto che fosse l'ultimo e un po' mi venne pure la lacrimuccia. Quest'anno quando ho visto i thread sui socialcosi del countdown allora mi sono detto che forse per la prima volta potevo mettermi lì a scrivere due cose, che mi fa bene stare bene scrivere, e quindi qua sotto trovate quello che ho scritto, qua potete scaricare il file completo e niente volevo solo ringraziare il Sir per questa cosa. [ndc. nel post ci si riferisce a questo treno qua e se passate da siena guardate di farci un giro] 

Non avevo mai sentito il suono di un treno a vapore, poi sono stato su questo trenino che passa per uno dei paesaggi più belli del mondo ed ho scoperto che un treno a vapore fa proprio quel rumore che ci si immagina da bambini debba fare un treno "ciuf ciuf" e vedi la nuvola di fumo che dalla locomotiva si stende sopra i vagoni che quasi 100 anni fa avevano portato i soldati sui fronti di guerra, adesso portano manciate di turisti a visitare mercatini e sagre.
I vecchi ferrovieri li riconosci, quelli che si mettono a piangere davanti ad una locomotiva mandata in pensione, per fare posto al niente, che i soldi per comprare nuovo materiale rotabile non ci sono. Colpa delle Regioni dice l'azienda, colpa dell'azienda dicono le Regioni, intanto le linee secondarie vengono chiuse, le piccole stazioni abbandonate e i ferrovieri prepensionati. Nel mio vagone c'è questo signore con una vecchia uniforme da capotreno, mi dice che una volta era capostazione, un piccolo paese sull'appennino tosco-emiliano famoso per la castagne, il treno era l'unico mezzo per uscire dall'isolamento e vedere un po' il mondo. Voleva portare pure il nipotino, ma si è ammalato, a Natale gli regalerà un trenino di quelli elettrici, una copia identica di quelli che arrivavano nella sua stazione una volta, perché deve sapere cosa faceva il nonno, lo dice con l'orgoglio di quelli che sanno di aver fatto una cosa importante per tutta la società.
Intanto siamo scesi dal treno, arrivati in questa vecchia stazione dismessa che sta crollando, degli imprenditori avevano provato a farci del business, treni antichi e degustazione di vini famosi; sono durati pochi mesi.
Sotto Natale poi tutti vogliono oggi un mercatino da visitare, non importa se è uguale a centinaia di altri sparsi ormai un po' ovunque e intorno c'è la calma placida della campagna in inverno che sembra che stia dormendo per prepararsi al risveglio primaverile da esplorare, che secondo me è più bella ora che quando d'estate ci sono i campi di grano giallo, i cipressi e centinaia di turisti a bordo strada a fotografare. 

Penso al nipotino di quel vecchio ferroviere che a natale sotto l'albero troverà il modellino di una ALn 990, una delle cose migliori uscite dalle officine italiane, chissà se apprezzerà, si aspetta qualcosa dei gormiti e invece si ritroverà un trenino, sono sicuro che quando sarà grande guarderà quel trenino e ripenserà al nonno ex-ferroviere che gli raccontava di quando i treni arrivavano ancora in paese e passeggiando fino alla stazione ormai chiusa gli verrà la voglia di prendere un treno. Sai cosa, quest'anno a natale regalerò solo biglietti del treno e quasi quasi scrivo pure a Babbo Natale chiedendo di prendere il treno invece della slitta, che risparmia pure, forse.

Il post del Gratta e Vinci

Avevo questo Gratta e Vinci nel portafoglio da diversi giorni, era uno di quelli da 1€ del sette e mezzo, la mia fortuna per il Gratta e Vinci non è molto sviluppata, se capita vinco il costo del biglietto e subito ne prendo un altro, perdendo poi immancabilmente, però ecco quando vinco son contento un po' come quando mangi un boero e vedi che ne hai vinto un altro.
Insomma dicevo, avevo questo Gratta e Vinci da grattare da un po' di tempo, che lo tenevo lì come quel gatto di quel signore austriaco che l'aveva chiuso in una scatola e non sapeva se era morto o vivo, poi l'ho grattato ed ho vinto 2€, sono stato contento un po' come se il signore austriaco aperta la scatola avesse trovato il gatto vivo ecco, poi però con quei 2€ lì ho preso un altro Gratta e Vinci, l'ho grattato subito e non ho vinto niente.
Mi sa che forse il gatto allora era morto.

The long tail of Ferrara

Tutti noi sappiamo dalle nostre esperienze quotidiane come una banale coda ad uno sportello in Italia si trasformi in un ammasso informe di persone, in una folla tumultuosa che con ogni mezzo prova a superare chi si trova davanti. 

Sabato però ero a Ferrara per il Festival di Internazionale ed ho assistito alle code più ordinate che abbia mai visto in terra italica. Tutti in ordinata fila indiana, senza bisogno di transenne o cordoni ad individuare percorsi obbligati, con code anche molto lunghe come nel pomeriggio per Ginsborg , Lazar e Lerner. 

Che sia un passo avanti nella civilizzazione del nostro paese o solo una buona abitudine dei lettori di Internazionale?

Voltare pagina: prova in strada di iLiad.

Voglio ringraziare Antonio, Luigi e tutta Simplicissimus Book Farm per la possibilità che mi hanno dato di provare l'iLiad attraverso l'iLiad Tour. Superati egregiamente da Matteo i problemi con Poste Italiane per la spedizione, alla fine sono venuto in possesso di questa meraviglia. 

 

Impressioni: al tatto è robusto, ottimi i materiali con cui è fatta la scocca, non scivola e l'estrema leggerezza consente di tenerlo in mano anche per lungo tempo. Ottima la durata della batteria, consente di leggere per ore ed ore, molto veloce poi a ricaricare. Sono rimasto a dir poco impressionato dalla qualità delle immagini dello schermo di iLiad, per provare ci ho caricato due numeri di Subvertising che ancora non avevo letto, nonostante tutta quella grafica e tutte quelle immagini, la riproduzione è perfetta, la lettura sempre chiara, alla volta anche meglio che sulla carta stampata. Indubbiamente avere ebook in formato mobipocket è sicuramente molto più comodo per la possibilità che si ha di ingrandire il carattere, mentre con i pdf si è costretti a zoom sulle varie parti della pagina.
Passiamo a quella che è la caratteristica che fa fare il salto di qualità a iLiad, la scrittura: inizialmente il breve ritardo che c'è tra la scrittura e l'apparizione sullo schermo disorienta, imbruttendo la calligrafia, basta però veramente poca pratica e si riesce a scrivere in maniera più che perfetta, ovvio poi se come me si ha una calligrafia oscena ancora iLiad non ha imparato a migliorarla.
I comandi, sono semplici ed intuitivi, tranne che per la cancellazione della note, dove si deve fare una procedura più complessa, penso per evitare che si cancellino cose senza volerlo.

Conclusioni: la tecnologia e-ink e i lettori di ebook riveleranno tutte le loro possibilità all'abbassamento dei costi, ancora alti (per la fortuna del mio povero conto corrente) e al parallelo investimento degli editori nel distribuire anche le copie digitali dei libri. L'utilizzo di lettori di ebook in ambito accademico o comunque scolastico potrebbe aiutare indubbiamente a risolvere il problema del caro libri, sarebbe molto semplice in ambito universitario, dove molti professori utilizzano dispense o testi scritti da loro e dove è una prassi quella di fotocopiare i libri a causa del costo assurdo. Sicuramente è un ambiente da tenere d'occhio nel prossimo futuro, penso che saranno dei devices capaci di rivoluzionare i nostri gesti quotidiani, come quello di voltare la pagina di un libro.

Quo Vadis Baby?

Ho appena finito di vedere il terzo episodo di Quo Vadis Baby? e non posso che confermare quanto questa serie sia, per quello che mi riguarda, la prima vera serie televisiva italiana, personaggi splendidi, storie avvincenti, temi forti, bella regia, oltre a tutti questi pregi le puntate meritano di essere viste anche solo per le clip finali (che vedono in regia Gabriele Salvatores direttore artistico della serie) cantate dall'affascinante e bravissima Angela Baraldi/Giorgia Cantini che reinterpreta in maniera splendida classici del rock.

Inoltre devo fare i complimenti allo staff che segue la comunicazione online della serie, che hanno fatto vedere come si può promuovere un prodotto televisivo, approcciandosi alla rete in maniera nuova, vivendo nella rete, bravi!