Ci scusiamo per i disagi

Non ho ancora capito cosa sia successo all'ultimo post scritto, visto che dal pannello di controllo risulta scritto e visualizzato correttamente come fino a ieri, poi è scomparso. Spero di riuscire a farlo riapparire, se non ce la dovessi fare lo sacrificherò e lo riscrivo, mi dispiacerebbe solo per il commento di Daniele.

Questo inconveniente mi ha convinto ad aggiornare finalmente wordpress all'ultima release stabile 2.6.3, visto che non lo avevo mai aggiornato, inoltre si sta studiando per una nuova grafica e per un riordino del blogroll che risulta vergognosamente obsoleto. 

Condividi:

Quo Vadis Baby?

Ho appena finito di vedere il terzo episodo di Quo Vadis Baby? e non posso che confermare quanto questa serie sia, per quello che mi riguarda, la prima vera serie televisiva italiana, personaggi splendidi, storie avvincenti, temi forti, bella regia, oltre a tutti questi pregi le puntate meritano di essere viste anche solo per le clip finali (che vedono in regia Gabriele Salvatores direttore artistico della serie) cantate dall'affascinante e bravissima Angela Baraldi/Giorgia Cantini che reinterpreta in maniera splendida classici del rock.

[youtube uKaTKT0f_gI]

Inoltre devo fare i complimenti allo staff che segue la comunicazione online della serie, che hanno fatto vedere come si può promuovere un prodotto televisivo, approcciandosi alla rete in maniera nuova, vivendo nella rete, bravi! 

Condividi:

Confronto

Italia: si discute di togliere la lettera di assunzione responsabilità per snellire la procedura di registrazione dei domini .it
Spagna: da gennaio i giovani spagnoli sotto i trent'anni potranno registrare gratuitamente un dominio .es ed avere dello spazio web, tutto incentivato dal governo.

Italia: ancora non si è arrivati ad una legislazione sulle coppie di fatto e sull'estensione dei diritti anche alle coppie omosessuali
Spagna:viene aperto un dibattito e si inzia a parlare di convivenza tra coppie multiple

No comment…..

Condividi:

Musica maestro…

Leggevo oggi nel blog di Claudio Ferrante su Nòva100 un post con un po' di considerazioni e qualche ottimo spunto per una discussione al riguardo di quella che è lo stato attuale dell'industria musicale.

Sono un musicofilo accantio, ascolto musica di continuo e sempre diversa, però purtroppo non mi posso permettere di comprare tutti i cd che vorrei, e quindi, me li scarico, me li ascolto e poi forse me li compro, se decido che merita l'acquisto.
Penso che oggi questa catena di fruizione della musica sia usata, cioè valutare il prodotto e poi nel caso premiare chi lo ha fatto, mi sembra una cosa logica. Sono pochi i gruppi di cui a scatola chiusa mi compro il cd, perchè nel bene o nel male si è creato un rapporto di fiducia, nato dall'ascolto, dal riascolto, dai live e poi quindi dalla fiducia che ho nei confronti di chi presumo che faccia un buon prodotto.
Un disco, per quel che mi riguarda, non si può valutare da un singolo, nemmeno da due, merita l'ascolto e il riascolto più volte, per sentire le sensazioni e le emozioni che provoca.
E' un evoluzione che l'industria musicale e sopratutto chi distribuisce la musica deve capire. 

Io non considero scaricare un cd come rubare, lo considero un diritto: il diritto di poter accedere alla cultura da parte di chiunque, anche di chi non se lo può permettere economicamente.
Lo devono capire anche le major, e quindi trovare mezzi diversi, ormai è sempre più facile per un artista distribuirsi le proprie produzioni, anche con pratiche innovative e che funzionano, si vedano come esempio i cd brulè e tutti i servizi della comunità online degli Elio e le Storie Tese.  

Insomma è riduttivo pensare che chi scarica ruba e quindi vada punito, è riduttivo e sciocco da parte delle case discografiche tentare di mantenere uno status quo, che non può più reggere anche grazie alle innovazioni portate dalla rete.
Si dovranno sempre più dar da fare per cercare nuove strade, che vadano incontro anche a chi usufruisce della musica. 

(e non ho nemmeno parlato di riforma del copyright e del diritto d'autore, che meriterebbe un blog intero a parte… su cui magri potrei scrivere qualcosa più in qua…) 

Condividi: